Giuseppe Palumbo

Uno si distrae al bivio

La crudele scalmana di Rocco Scotellaro

 

Pagine 48 col, brossura, formato 29 cm, € 10,00 

collana Olio, n. 5, anno di pubblicazione 2013, 

ISBN 978-88-96971-22-2.

Collana Olio

Leggi anteprima online

Quella di Rocco Scotellaro per la vita è stata un’infatuazione violenta, una scalmana che l’ha portato a consumarsi prima del tempo, a soli trent’anni. Uno si distrae al bivio è ritenuto il suo primo racconto, eppure di tutte le poesie, di tutti i racconti, è quello che lascia il sapore più intenso, scritto in un italiano nuovo, appassionato, vivo.

Neanche ventenne, Scotellaro descrive la vita, le ansie, i chilometri, i treni di un giovane uomo, Giorgi Ramorra, suo doppio, a caccia di donne, a caccia di futuro, a caccia di senso da cucire addosso alla vita. Ma quando arriva il momento di operare una scelta, di farsi bruciare da una decisione, lì la vita prende, crudele, il suo corso e la storia può ricominciare.

Nell'adattamento viscerale di Giuseppe Palumbo, la figura, oltre che la scrittura di Rocco Scotellaro, torna a vivere anche nel ricordo di persone che ne condivisero in parte il percorso esistenziale e di autore. In una piccola appendice, a metà strada tra saggio illustrato e graphic journalism, Palumbo rievoca il suo personale percorso di studio sulle opere dello scrittore di Tricarico e mette in luce il segno di presenze come quella di Rocco Mazzarone e di Franco Palumbo, a cui tanto deve la Lucania del Novecento.

 

Giuseppe Palumbo (Matera, 1964) ha cominciato a pubblicare fumetti nel 1986 su riviste quali Frigidaire e Cyborg, alle cui pagine affida il suo personaggio più noto: Ramarro, il primo supereroe masochista. Nel 1992 entra nello staff di Martin Mystére della Sergio Bonelli Editore e nel 2000 in quello di Diabolik della Astorina.

Tra le recenti numerose pubblicazioni: Diario di un pazzo (Comma 22, 2005), adattamento di un racconto di Lu Xun; CUT Cataclisma (Comma 22, 2006); Tomka, il gitano di Guernica (Rizzoli, 2007), su testi di Massimo Carlotto; Un sogno turco (Rizzoli, 2008) e, prodotti da Palazzo Strozzi Firenze, Eternartemisia e Aleametron (Comma 22, 2008). é inoltre autore del primo saggio di critica storico-letteraria a fumetti, L’elmo e la rivolta. Modernità e surplus mitico di Scipioni e Spartachi (2011), su idea e testi di Luciano Curreri.
 

          aquista online  



Segui la "comunità al bivio" su   

Rassegna stampa sul libro


> 31 marzo 2015 - Mara Sabia su Sineresi versione pdf

> 3 marzo 2015 - Palumbo su Radio Onda d'Urto-Bande distorte jpeg mp3 su web

> 19 agosto 2014 - su Lo spazio bianco jpeg versione web

> 24 giugno 2014 - su R.it BO jpeg versione web

> 10 dicembre 2013 - su Radio Capodistria versione web

> 29 dicembre 2013 -  su TGR Basilicata versione web

> 27 dicembre 2013 -  su Il Manifesto  versione web

> 27 dicembre 2013 -  su TG7 Basilicata versione web

> 19 dicembre 2013 -  su La Nuova di Basilicata 

> 18 dicembre 2013 -  su La Siritide versione web

> 19 novembre 2013 -  su Cinevisioni Magazine versione web

> 15 novembre 2013 - su Ninjamarketing versione web

> 14 novembre 2013 -  su Fumettologica versione web

> 5 novembre 2013 - Giuseppe Colangelo su L'Adige versione jpg

> 5 novembre 2013 - su Il trentino  versione jpg

> 27 agosto 2013 - Alessandro di Nocera su Repubblica NA versione jpg

> 26 agosto 2013 - Intervista a Giuseppe Palumbo su      

> 9 agosto 2013 - Gazzetta del Mezzogiorno version web

> 30 luglio 2013 - Gazzetta del Mezzogiorno versione pdf
> 27 luglio 2013 - su Controsenso  versione pdf





Copyright ©   2004-2013  Ipermedium Comunicazione e Servizi  s.a.s.