In offerta!

L’ultimo regalo

L’ultimo regalo

Collana Monotremi

Ma quali sono, mi chiedo, i giorni della nostra vita che ricorderemo per sempre? Quali, tra i tanti trascorsi con le persone che amiamo? E perché proprio quelli e non i mille possibili altri?

Lo scrittore, di fronte alla perdita della madre, partecipa allo sgretolarsi di quello che rappresenta l’argine principale dell’esistenza di ogni uomo, prima dell’ultima e decisiva fase della maturità. Senza più schermi di protezione egli prova allora, per l’ennesima volta, a confrontarsi con i suoi fantasmi mentre  intravede, annunciata da un sempre più invadente oblio – dal “morbo incalzante” – la morte da un’angolazione del tutto nuova, in parte inattesa.
E una volta percepita questa sconcertante sensazione – la sensazione della fine – in tutta la sua assurdità; una volta constatata una semplice, banale verità (che senza genitori non si è, né si potrà mai più essere, figli), la scrittura diventa strumento di riflessione e di rispecchiamento che conduce a un inedito genere di sdoppiamento, a un sentimento di disincanto forse definitivo.

ISBN 9788896971215
Pagine 120, BN
Formato 13x21cm
Allestimento Brossura filo refe
Anno di pubblicazione 2013
Lingua Italiano

10,90 9,27

Disponibile

Sfoglia la lista dei desideri

Ma quali sono, mi chiedo, i giorni della nostra vita che ricorderemo per sempre? Quali, tra i tanti trascorsi con le persone che amiamo? E perché proprio quelli e non i mille possibili altri?

Lo scrittore, di fronte alla perdita della madre, partecipa allo sgretolarsi di quello che rappresenta l’argine principale dell’esistenza di ogni uomo, prima dell’ultima e decisiva fase della maturità. Senza più schermi di protezione egli prova allora, per l’ennesima volta, a confrontarsi con i suoi fantasmi mentre  intravede, annunciata da un sempre più invadente oblio – dal “morbo incalzante” – la morte da un’angolazione del tutto nuova, in parte inattesa.
E una volta percepita questa sconcertante sensazione – la sensazione della fine – in tutta la sua assurdità; una volta constatata una semplice, banale verità (che senza genitori non si è, né si potrà mai più essere, figli), la scrittura diventa strumento di riflessione e di rispecchiamento che conduce a un inedito genere di sdoppiamento, a un sentimento di disincanto forse definitivo.

Gianfranco Pecchinenda

Gianfranco PecchinendaGianfranco Pecchinenda (Napoli, 1963), ha pubblicato, tra l’altro, i volumi: L’ombra più lunga. Tre racconti sul padre (Colonnese, 2009) e Essere Ricardo Montero (Lavieri, 2011).